visita a fornitore CAMPORBIANO

(Testi prelevati dal sito aziendale a cui rimandiamo per maggiori approfondimenti)

http://www.poggiodicamporbiano.it/

 ESCAPE='HTML'

Immersa nel cuore della Toscana, sulle boscose colline tra Gambassi Terme (Fi) e San Gimignano (Si) a quasi 500 metri sul livello del mare, l'azienda agricola Poggio di Camporbianosi affaccia da un lato sul Chianti, coronato dalla dorsale appenninica e dall'altro sul territorio di Volterra oltre il quale, in lontananza, è possibile scorgere il Mar Tirreno.
Immersa nel cuore della Toscana, sulle boscose colline tra Gambassi Terme (Fi) e San Gimignano (Si) a quasi 500 metri sul livello del mare, l'azienda agricola Poggio di Camporbianosi affaccia da un lato sul Chianti, coronato dalla dorsale appenninica e dall'altro sul territorio di Volterra oltre il quale, in lontananza, è possibile scorgere il Mar Tirreno.


 

 ESCAPE='HTML'

Il terreno è di oltre 200 ettari. I campi di Camporbiano sono incastonati in vasti boschi di querce, lecci, frassini e altre essenze mediterranee; abitati da daini, caprioli, cinghiali,... Olivi, piante da frutto oltre ai classici cipressi completano il paesaggio.
 

 ESCAPE='HTML'

Tutto ha inizio a Camporbiano nel 1988, quando comincia a prendere forma l'aspirazione che da anni coltivavamo nel cuore: essere sicuri della genuinità dei cibi di cui ci nutriamo e che mettiamo a disposizione degli altri, ponendoci come fine l'armonia con noi stessi e con la natura nasce così il: Poggio di Camporbiano.

 ESCAPE='HTML'

Fin da subito il nostro metodo di coltivazione utilzzato è quello dell'agricoltura biodinamica, che fa uso di prodotti e preparati naturali per la concimazione, per la difesa delle piante e nella cura degli animali,adotta la rotazione delle colture e ha come obbiettivo l'aumento della vitalità del terreno.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Gradualmente, negli anni, a Camporbiano cresce il numero di vacche e di capre e si moltiplicano i tipi di formaggio prodotti.

 ESCAPE='HTML'

Il piccolo orto si estende sempre più, ai primi campi se ne affiancano altri, ai prati e ai sovesci si alternano nelle loro varietà i cereali. 

In questi anni la realtà intorno a noi si è sviluppata in modo spontaneo non guidata dal mero interesse commerciale, ma basandosi sull'esercizio della nostra coscienza, secondo i principi che fin dai primi passi ci siamo posti.

Nei campi coltiviamo cereali, foraggi, erbai, girasoli, legumi,... seguendo l'antica pratica della rotazione che può durare fino a otto anni .
Le varie colture si avvicendano così in un ciclo di molti anni che permette al terreno di mantenere la sua fertilità. Questa viene continuamente incrementata dall'apporto di compost di letame e dai sovesci.

Grande attenzione viene dedicata alle varie lavorazioni, in modo da ridurre al minimo tutto ciò che può arrecare danno alla vitalità del terreno, come il compattamento, le arature profonde, la lavorazione di terreni non in tempera,... 

Troppo spesso la terra è solo oggetto di sfruttamento; traendone la base del nostro sostentamento, non possiamo che avere nei suoi confronti il più profondo rispetto.

L'allevamento si può considerare il cuore dell'azienda.
Vacche, capre e cavalli da tiro si nutrono solo dei nostri foraggi e ci mettono a disposizione il loro latte, il loro lavoro e il letame che rende fertile e vitale la terra. Per questo adottiamo un metodo di allevamento che ha come primo obiettivo il loro benessere andando oltre il regolamento del biologico.

Sin dall'inizio abbiamo scelto razze rustiche, che pur offrendo una produttività limitata ci davano garanzia di robustezza e un latte di qualità. Non usiamo insilati e mangimi, ma fieno ed erba in abbondanza, con l'aggiunta di una piccola razione di crusca e orzo. Vasti prati sono destinati al pascolo. I nuovi nati sono allevati con latte materno e non con il latte in polvere, non pratichiamo loro la decornazione, la fecondazione è naturale e non artificiale, la stabulazione è libera: nessun animale è alla catena. Non si utilizzano antibiotici: non abbiamo mai somministrato a un nostro animale un medicamento che non fosse naturale.

Così essi vivono sani e longevi, producendo un latte di alta qualità assolutamente privo di residui. Anche il fatto di chiamarli per nome dimostra la considerazione che nutriamo nei loro confronti.