il Kekir

 ESCAPE='HTML'

Il Kefir è una bevanda fermentata dai numerosi effetti benefici: non a caso la parola Kefir deriva dal turco “keif” che significa “sentirsi bene”; proviene dal Caucaso dove la popolazione è quella più longeva al mondo e oltre a favorire le funzioni digestive ed intestinali aumenta le difese immunitarie.
E’ una bevanda pro-biotica ottenuta dalla fermentazione del latte (di mucca, di capra, di pecora o di cocco) o di acqua e si ottiene attraverso granuli gelatinosi di colore bianco o giallo che contengono un mix di batteri e lieviti “ospitati” da un polisaccaride.
Il Kefir d’acqua si ottiene inizialmente utilizzando gli stessi granuli del Kefir di latte – l’adattamento avverrà in pochi giorni e sarà irreversibile. Ne deriva una bevanda leggermente alcolica e frizzante ricca di vitamine, minerali, fermenti lattici e pro-biotici.
I granuli non vengono venduti nei negozi ma solitamente passati da amici (pare che si possano acquistare anche su e-bay).
Si prepara ponendo dell’acqua in una brocca (tra il mezzo litro ed il litro) a cui si aggiungeranno i grani di Kefir, 1 cucchiaino di zucchero ed una o due fette di limone (si può usare però anche altra frutta secondo i gusti).

 

 ESCAPE='HTML'

Le dosi variano secondo la quantità di granuli, partendo da circa 3-4 cucchiai che nel tempo cresceranno ed andranno poi passati ad altri.
Una volta inseriti tutti gli ingredienti ed aver mescolato bene affinché lo zucchero si distribuisca, bisogna tappare la brocca avendo cura di lasciare però il passaggio di un po’ d’aria – meno aria ci sarà e più la bevanda risulterà alcolica (quantità di alcool solitamente presente è di 0,2-1 %).
Lasciar fermentare per circa 24 ore, passate le quali la bevanda andrà filtrata con un colino mentre la si versa con un imbuto in una bottiglia dal collo abbastanza largo (tipo quelle delle passate di pomodoro). I granuli andranno quindi sciacquati sotto acqua corrente, versati nuovamente nella brocca procedendo poi ad aggiungere limone e zucchero. La bevanda si beve la sera prima di coricarsi o la mattina ma in realtà non ci sono veti e la si può bere quando si preferisce (c’è chi dice anche durante i pasti).

 ESCAPE='HTML'